domenica 13 maggio 2012

Time...illusion? (Jon ZTK)

I Futuristi teorizzavano l'arte in movimento, erano ossessionati dal movimento e cercavano di riprodurlo nelle loro opere. Elogiavano i nuovi mezzi di trasporto, le macchine, i treni, la velocità.

Dipingendo su oggetti in movimento i writers hanno realizzato ciò che i Futuristi teorizzavano cento anni fa. Probabilmente opere dipinte agli inizi del 1900 da Balla o sculture di Boccioni sono oggi in perfette condizioni, quasi come nuove. I graffiti essendo eseguiti su superfici non autorizzate, sono opere effimere, un giorno ci sono e il giorno dopo potrebbero non esserci piu. Ciò nonostante non è raro che alcune opere dipinte durino per anni, assoggetandosi ad intemperie, pioggia, vento, sporcizia, sole e fattori umani quali acidi utilizzati per pulire i vetri che invecchiano ulteriormente il "pezzo". Dunque un graffito non rimane uguale, immutato nel tempo ma cambia giorno dopo giorno, viaggia e si muove, invecchiando lentamente proprio come l'autore dell' opera invecchia, da giovane diventa vecchio e prima o poi muore. E' come se un graffito avesse una sua vita propria.

Jon ZTK



English:

Futurists theorized art in movement, they were obsessed by movement and tried to reproduce it in their works. They praised the new modes of transport, cars, trains, and velocity.

Painting on moving objects, writers have fulfilled what the Futurists theorized one hundred years ago. Probably works painted at the beginning of the 1900's by Balla or sculptures by Boccioni are still today in perfect conditions, almost as if brand new. Being painted on unauthorized surfaces, graffiti is ephemeral, one day it is there and the next day it may be gone. Nonetheless it is not rare for certain painted works to last years, being subjected to the elements, rain, wind, grime, sun and human factors such as acids used to clean windows that further age the pieces. So graffiti does not remain the same, unchanged over time, but changes day after day, it moves and travels, slowly getting old just like its author gets old, from youth to old age, and eventually dies. It is as if graffiti has a life of its own.

Jon ZTK
 

                                

                               

Nessun commento: